Login   |   Registrati
Indietro

42° Oriente Occidente Dance Festival

Festival/Eventi
Luogo
Rovereto
Quando
Dal 03/09/2022 al 10/09/2022
Genere
Danza

42° Oriente Occidente Dance Festival –

Mediterranei

Diciotto compagnie, trentaquattro eventi in otto giorni di Festival tra spettacoli e conferenze: Oriente Occidente guarda a quel che era il 

Mare Nostrum e ne propone una lettura plurale

Mediterraneo significa “in mezzo alle terre”. Precisamente in mezzo a 46 mila chilometri di coste tra quelle dell’Europa meridionale, dell’Asia nord-occidentale e dell’Africa settentrionale, abitate da 450 milioni di persone: una moltitudine di popoli, di usanze, di culture, di mari. 

Nel corso degli anni, gli equilibri geostrategici hanno trasformato il Mediterraneo in uno spazio ben più ampio dei suoi confini naturali.  Per questo, nel tentativo di raccontarlo, Oriente Occidente prova a dare al “mare nostrum” un nome nuovo, Mediterranei: un nome plurale, che restituisca la frammentarietà di un luogo di diversità, un punto di incontro e a volte anche di scontro. 

Al centro della proposta di Oriente Occidente per la sua edizione numero 42 c’è l’attualità più stringente di una lettura geopolitica della contemporaneità che affida a quel “Mediterraneo allargato”, come spesso è ultimamente definito, un ruolo da protagonista negli equilibri strategici del mondo. I temi che caratterizzano il Festival di quest’anno sono appartenenza, identità, comunità e relazioni, affrontati attraverso il linguaggio della danza che fa parte dell’identità di Oriente Occidente e che per sua natura supera confini e barriere linguistiche, al quale si aggiunge quello della musica, che con la danza condivide queste medesime caratteristiche.

 

Il meticciato di Mediterranei è tradotto nella programmazione attraverso spettacoli che abbracciano provenienze culturali e geografiche differenti, che introducono contaminazioni di stili e discipline artistiche, che rappresentano esiti di sperimentazioni innovative. Sono tre i filoni narrativi che hanno guidato la programmazione: raccontare miti, ascoltare voci, tracciare nuove rotte. La grande danza passa dai miti mediterranei raccontati da Mourad Merzouki, Rafaela Carrasco, Roberto Zappalà, Lia Rodrigues e Kuik Swee Boon. Le voci e le musiche del Trio Dabaghyan dall’Armenia, di Ballaké Sissoko dal Mali, del Canzoniere Grecanico Salentino dalla Puglia, si accordano con quelle che accompagnano la danza di Koen Augustjnen e Rosalba Torres Guerrero di Cie Siamese e di Fouad Boussouf. E infine più giovani artisti e artiste, espressione del contemporaneo, mostreranno le nuove traiettorie dell’arte performativa, in scena in città e negli spazi del Mart. Sono: Cie Colokolo, Luca Brinchi/KarimaDueG/Irene Russolillo, Carlo Massari, Pablo Girolami, Pietro Marullo, Panzetti/Ticconi, Andrea Paz, Guy Nader/Maria Campos.


RACCONTARE MITI

MOURAK MERZOUKI, ROBERTO ZAPPALÀ, RAFAELA CARRASCO, LIA RODRIGUES, KUIK SWEE BOON

Prende il via dal mito mediterraneo per eccellenza, la programmazione di Oriente Occidente Dance Festival che invita a tornare sul palco del Teatro Zandonai, Mourad Merzouki con il suo lavoro Zéphyr, (3 settembre, Teatro Zandonai) nel quale i suoi dieci performer interpretano il corpo a corpo di Ulisse con il vento. Il mito di Ulisse torna anche nel duetto firmato da Roberto Zappalà, Naufragio con spettatore che mette in relazione l’Odissea con le odissee contemporanee di cui il Mediterraneo è spesso teatro (6 settembre, Auditorium Melotti). Il noto mito femminile di Arianna è invece affidato al flamenco di Rafaela Carrasco, “bailaora” e coreografa considerata una istituzione di questo genere che ha saputo attualizzare senza rinnegarne le radici: nella sua Ariadna, il flamenco si mette a servizio di una storia senza tempo (8 settembre, Auditorium Melotti). 

 

Definito da Le Figaro come un “inno alla gioia” e da Libération “un rituale contro la dominazione razziale e sessuale”, arriva a Rovereto – per la prima volta in Italia e co-prodotto da Oriente Occidente – Encantado, firmato da Lia Rodrigues, coreografa brasiliana radicale e militante che in questo pezzo nato durante la crisi pandemica, si chiede come fare a “incantare le paure” per ritornare ad avvicinarsi gli uni agli altri (7 settembre, Teatro Zandonai). Dall’Oriente arriva invece grazie a T.H.E Dance Company la storia di Pangu, essere mitologico cinese il cui corpo gigante si rompe per trasformarsi in tutti gli elementi della natura e che diventa per la compagnia di Singapore l’occasione per confrontarsi con il concetto di transculturazione, ovvero il processo di convergenza continua delle culture. Pan, questo il titolo, propone una visione plurale del mondo ed è un lavoro sul riconoscimento delle differenze da ogni punto di vista. Lo sarà anche grazie al contributo di due performer locali: Nana Kofi Osei, rapper di origini ghanesi e Diana Anselmo, presidente dell’associazione Al.Di.Qua Artists, la prima associazione in Europa di artisti e artiste con disabilità (10 settembre, Teatro Zandonai).



TRACCIARE NUOVE ROTTE

CIE COLOKOLO, LUCA BRINCHI/KARIMA DUEG/IRENE RUSSOLILLO, CARLO MASSARI, PABLO GIROLAMI, PIETRO MARULLO, PANZETTI/TICCONI, ANDREA PAZ, GUY NADER/MARIA CAMPOS 

Da sempre attento alle istanze e alle nuove traiettorie della danza nazionale e internazionale, Oriente Occidente dedica un’intera sezione al panorama più innovativo della scena contemporanea. “Tracciare nuove rotte” ospita diversi tipi di spettacolo, installazioni museali, videoperformance, spettacoli di strada: tutto ciò che esce dalle più tradizionali traiettorie dell’arte performativa. 

La sezione è caratterizzata da una programmazione in seconda serata negli spazi del Mart, che si intreccia con performance pomeridiane e adatte anche alle famiglie e che coinvolgono la città come un vero e proprio attore del lavoro stesso e uno spettacolo in teatro. In questa sezione infatti trova spazio la compagnia libanese/spagnola guidata da Guy Nader e Maria Campos che con Made of space offre al pubblico un’immersione nella danza più pura (9 settembre, Teatro Zandonai).

Al Mart, per la prima volta a Oriente Occidente, e in veste di artisti associati, in calendario ci sono Panzetti/Ticconi, una delle più promettenti compagnie della scena europea. Di base tra Berlino e Torino, Ginevra Panzetti e Enrico Ticconi lavorano muovendosi su un territorio di incontro tra danza, performance e arte visiva. A Rovereto arrivano con A E R E A e SILVER VEILED due progetti di grande impatto (8 e 9 settembre, Mart). Carlo Massari presenta invece tre lavori: Larva, Blatta e Sapiens, tutti parte del più ampio progetto Metamorphosis. Atti di metamorfosi contemporanea firmato dall’artista associato a Oriente Occidente che continua a raccontare le molteplici sfaccettature della società contemporanea con un linguaggio essenziale e sarcastico (4, 5 e 6 settembre, Mart).

Un’altra “nuova rotta” verrà disegnata dalla coreografa Irene Russolillo che firma il nuovo lavoro If there is no sun insieme ad altri due artisti, Luca Brinchi e Karima DueG, che con lei hanno affrontato il percorso che ha unito Italia e Senegal in un dialogo fatto di gesti e movimenti (3 settembre, Mart). Attraverso la collaborazione con Danza Urbana XL, il network che premia i giovani coreografi più talentuosi torna a Oriente Occidente Pablo Girolami, con la versione site specific di Manbuhsona, il lavoro che unisce la fascinazione del corteggiamento animale alle conseguenze che questo istinto ha sulle relazioni sociali di una comunità (5 settembre, Giardino delle sculture - Mart). Una videoinstallazione e due performance saranno in programma firmate da Pietro Marullo: GAIA EMPATHY #1 JORDAN (dal 3 al 7 settembre, Piazza del Mart), ARANCE - avoid shooting blacks (6 settembre, Mart) e HERMANDAD (6 settembre, Mart), uniti dall’elemento poetico dell’acqua.

 

La città è invece protagonista di Proyecto X il lavoro della compagnia cileno-catalana Silere Arts di Andrea Paz, che con cubi gonfiabili giganti attraverserà le strade e le piazze facendole diventare un terreno di gioco, un cortile dove ancora è possibile divertirsi insieme (9 e 10 settembre, centro di Rovereto). Rovereto sarà palco anche della performance urbana di Colokolo, primo collettivo di circo contemporaneo marocchino che riunisce performer di diverse discipline che si sperimentano tra acrobazie aree, giocoleria e hip hop su musiche tradizionali (3 e 4 settembre, Piazza Caduti sul Lavoro). 


LINGUAGGI 

Ad arricchire il programma di Oriente Occidente Dance Festival un'ampia proposta di conferenze e incontri che si terranno nella sala conferenze del Mart per la sezione Linguaggi, curata da Anna Benazzoli, Marzia Bona e Caterina Ghobert. Anche per questa edizione prosegue per Linguaggi la collaborazione con Limes, rivista di geopolitica diretta da Lucio Caracciolo. 

La scelta di titoli e relatori è stata costruita intorno a una visione del Mediterraneo come centro ideale nel quale confluiscono e sul quale gravitano equilibri molto più ampi, il luogo di intersezione e scambio di molteplici universi: culturali, artistici, politici, ambientali, umani. 

 

Una pluralità che coesiste, non sempre in maniera pacifica, nel Mediterraneo e attorno ad esso, in quel mezzo-alle-terre che gli conferisce il ruolo di ponte, raccordo, incontro. A rappresentare questa pluralità difficilmente ascrivibile a un modello geometrico, torna utile lo spazio che è fisico e sociale insieme, dando vita a un percorso di approfondimento che parte, senza fermarsi, dai quattro punti cardinali della rosa dei venti, per proseguire oltre ad essi. A rendere tutto questo reale il ciclo pensato dalle tre curatrici, dal titolo I Mediterranei plurali e concentrici che prevede cinque incontri. Il giornalista Giovanni Vale con Egidio Ivetic, professore associato di Storia moderna all’Università di Padova, attraversano la storia della Repubblica di Venezia (3 settembre, ore 11.30). Torna anche Laura Canali, cartografa di Limes con un intervento dal titolo Mar Mediterraneo sud-occidentale (4 settembre, ore 17.30). Christian Elia, Laila Sit Aboha e Silvia Moresi affrontano invece le sponde arabe del Mediterraneo, cercando di decostruirne la narrazione tossica attraverso l’incontro con la cultura del Paesi del Maghreb (6 settembre, ore 17.30). Marcello Anselmo, storico, ricercatore e autore radiofonico, metterà in relazione Napoli e Marsiglia: amate e odiate, sconosciute e iper-raccontate, pare non condividano solo un affaccio sullo stesso mare (10 settembre, ore 11). Chiude il ciclo recuperando il termine “Medioceano”, Lorenzo Noto, esperto di geopolitica del Mediterraneo nelle fila di Limes, che vede quell’ormai ex “mare nostrum” come il connettore tra due oceani, principale arena della sfida tra Usa e Cina (10 settembre, ore 17.30). 




BIGLIETTERIA

A partire dall’8 luglio sarà possibile acquistare online i biglietti del Festival al sito orienteoccidente.it L’acquisto online sarà supportato da una infoline a cui si potranno richiedere informazioni e consulenza per l’acquisto da sito (0464016576 e biglietteria@orienteoccidente.it)

Il box office sarà invece allestito dal 26 agosto in Corso Rosmini 58 a Rovereto e sarà aperto tutti i giorni dalle 11 alle 15 e dalle 16 alle 20. Non sarà possibile acquistare i biglietti nei luoghi di spettacolo, ma l’acquisto sarà sempre possibile online fino a cinque minuti prima di ogni performance.

Il costo dei biglietti è vario in relazione al luogo di spettacolo e alla fascia di posto. È attiva una promozione per gli spettacoli in programma negli spazi del Mart che permette di acquistare più biglietti non nominali e anche per uno stesso evento a prezzi molto convenienti. Sono attivate agevolazioni sul costo dei biglietti per gli abbonati della Stagione InDanza del Centro Santa Chiara, possessori Carta in Cooperazione, Mart membership e 33 Trentini. Infine, un’attenzione importante è riservata al pubblico giovane: tutti gli spettacoli in teatro sono disponibili per persone under 30 a un prezzo di 10 euro.





Contatti

Infoline: 0464016576

Sito web: n.d.



Ti potrebbe anche interessare:

Danza oltre le barriere

Danza oltre le barriere

We speak dance

We speak dance

Stagione danza Teatro Cantiere Florida

Stagione danza Teatro Cantiere Florida

Cerveteri In Danza - II Edizione

Cerveteri In Danza - II Edizione