Login   |   Registrati
Indietro

Una Bayadère umbratile e contemporanea

Critica Spettacoli
Luogo
Teatro La Compagnia
Firenze (FI)
Quando
09/09/2022
Compagnia
il Nuovo Balletto di Toscana
Genere
Moderno/Contemporaneo
Gabriella Gori



«They can» direbbe qualcuno e di sicuro non potremmo dargli torto perché il Nuovo Balletto di Toscana e Cristina Bozzolini, sua energica e volitiva capitana, possono questo ed altro sulla scena contemporanea italiana e non solo.

Già carico di allori il NBDT presenta al Teatro La Compagnia di Firenze, in occasione della XXIX edizione di Fabbrica Europa, Bayadère - Il regno delle Ombre, un balletto a serata firmato da Michele Di Stefano e vincitore del premio "Danza&Danza" come migliore produzione del 2022.

Ispirato al celeberrimo atto III dell'ottocentesca Baydère di Petipa su musica di Minkus, di cui Di Stefano coglie l'atmosfera esotica e atemporale, questo lavoro in realtà vira verso una personalissima reinterpretazione che si lascia alle spalle l'archetipo, pur rendendogli il dovuto omaggio. « Questo nuovo Regno delle Ombre così misteriosamente carico di suggestioni - spiega Michele - appartiene ai tempi eccezionali che stiamo vivendo, perché fa riferimento a qualcosa di perduto e a qualcosa di possibile allo stesso tempo [...] in uno spazio che non è più soltanto un al di là ma è un presente che desidera essere reinventato con delicatezza e passione».

Il balletto, pensato per dodici giovanissimi professionisti e condensato in un atto, si sviluppa in tre macrosequenze di cui la prima si caratterizza per un individualismo  cinetico, la seconda si incentra su un classicismo rivisitato e la terza si apre ad un dinamismo contemporaneo. Una struttura tripartita che si avvale delle luci chiaroscurali di Giulia Broggi e delle musiche di Lorenzo Bianchi Hoesch per la prima sequenza, della partitura di Minkus per la seconda e di un'ibridazione musicale per la terza.

L'individualismo cinetico vede in azione i danzatori che ballano e si lanciano uno dopo l'altro in un agone coreutico di indubbia forza ed energia, sostenuti dal sostrato sonoro della musica che accentua il rocambolesco fagocitare lo spazio scenico e incentiva l'uso estremo del corpo.

Ma ecco che è nella seconda sequenza che Di Stefano, a suo modo, chiama in causa Petipa e Minkus con chiare riprese di passi e gesti del leggendario atto III della Bayadère: i tendus en croisés, gli arabesques, i cambrés, in un sobrio tributo al classicismo della più alta scuola accademica non senza irriverenti pose à terre.

Con la terza sequenza torna prepotentemente il dinamismo contemporaneo nell'incessante fluire di soli, duetti e ensembles che esaltano la potenza della danza del coreografo salernitano e mettono in luce la bravura dei ballerini 'bozzoliniani', fasciati dagli essenziali costumi di Santi Rinciari.

Il pluripremiato Di Stefano, fondatore del gruppo mk e attivo presso compagnie internazionali come la Korean National Contemporary Dance Company e italiane come Aterballetto, si conferma un coreografo di valore che, pur tenendo presente la lezione di Wayne McGregor, ha saputo prenderne le distanze e affermare la propria autorialità.

Questa nuova Bayadère convince e consente di apprezzare l'ambizioso progetto artistico di Cristina Bozzolini, teso a fare crescere la sua agguerrita compagnia con un repertorio sempre più interessante e all'avanguardia.               

Altre critiche incrociate:

Dots - La nuova creazione di Ricky Bonavita

Dots - La nuova creazione di Ricky Bonavita

Saranno Famosi - Fame Il Musical regia di Luciano Cannito

Saranno Famosi - Fame Il Musical regia di Luciano Cannito

La recensione di Monica Ratti per lo spettacolo di Omar Rajeh

La recensione di Monica Ratti per lo spettacolo di Omar Rajeh

Il solipsismo pieno di umanità della Eva di Roberto Zappalà

Il solipsismo pieno di umanità della Eva di Roberto Zappalà