Login   |   Registrati
Indietro

STEEL ORCHID – il fuoco liberato e Apparizione #3

serata dedicata alla giornata internazionale della donna

Spettacoli
Luogo
Fondazione Egri per la danza
Torino (TO)
Quando
08/03/2021
Orario
19.00
Compagnia
Compagnia EgriBiancoDanza
Genere
Moderno/Contemporaneo

STEEL ORCHID – il fuoco liberato e Apparizione #3 – serata dedicata alla giornata internazionale della donna

diretta da Susanna Egri e Raphael Bianco

#IPUNTIHOME SOCIETY

Lunedì 8 marzo 2021 ore 19

 

COMPAGNIA EGRIBIANCODANZA

LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA

 

 

La sezione #IPUNTIHOME SOCIETY della Fondazione Egri per la Danza propone una selezione di balletti della Compagnia EgriBiancoDanza legati a giornate di interesse internazionale.

#IPUNTIHOME SOCIETY nasce da una riflessione della Fondazione Egri, da anni impegnata nell’indagine su temi legati alla società e i suoi cambiamenti, per portare sul web i propri pensieri e le proprie proposte, cercando di mantenere aperta la possibilità di un dialogo vivo su temi che ci coinvolgono tutti e nella prospettiva di poter dare nuovamente valore alla vita condivisa, a quella società che stiamo vedendo cambiare sotto i nostri occhi.

 

TERZO APPUNTAMENTO dei #IPUNTIHOME SOCIETY in programma lunedì 8 marzo alle ore 19 in occasione della Giornata Internazionale della Donna. Il video della serata in programma, come già per i precedenti, sarà trasmesso in prima visione sul Canale YouTube della Compagnia EgriBiancoDanza www.youtube.com/c/CompagniaEgriBiancoDanza e sarà fruibile per 48 ore.

 

La Compagnia EgriBiancoDanza presenta due video di produzioni d’archivio, con la coreografia di Raphael Bianco, sui temi della figura femminile. Il primo, STEEL ORCHID – il fuoco liberato, originariamente inserito nella serata “Prometeo oltre il fuoco”, è ispirato a Aung San Suu Kyi, leader birmana per la resistenza non violenta contro il regime militare che opprimeva il suo paese e il cui soprannome è Steel Orchid (orchidea d’acciaio). Prometeo è un corpo di donna che si fa canto contro ogni forma di oppressione in nome della civiltà, della pace e della giustizia. Balletto quanto mai attuale dopo il recentissimo colpo di stato in Birmania.

 

Apparizione #3 è invece un estratto dallo spettacolo Apparizioni, composto da sei differenti quadri sulla percezione dell’animo umano. Apparizione #3 è uno di questi quadri, un passo a due tutto al femminile privo di narrazione ma profondamente intrisa di significati, ricca di spunti di riflessione dove emerge l’ascolto del proprio inconscio dagli esiti misteriosi.

 

Partecipa alla programmazione di questa serata Silvia Giulia Mendola, che per questa l’occasione sceglie di prendere in prestito le parole di Michela Marzano, filosofa, accademica, politica e scrittrice italiana, e in particolare quelle del suo libro “Sii bella e stai zittaperché l’Italia di oggi offende le donne”. In questo libro l’autrice è riuscita a raccontare lucidamente gran parte delle situazioni discriminanti che le donne subiscono nella moderna quotidianità presentando le sue personali riflessioni sulla mercificazione del corpo femminile, sulle violenze, sull’illusione delle pari opportunità, sulle disparità nel mondo del lavoro. Silvia Giulia Mendola, fondatrice dell’Associazione Culturale PianoInBilico, che conta nel proprio organico cinque donne e che si occupa anche di tematiche specifiche sull’universo femminile, ha scelto per l’8 marzo di rielaborare drammaturgica e interpretare alcune pagine del libro della Marzano unendolo diverso materiale raccolto da alcune interviste fatte negli ultimi mesi all’autrice.

Per questa collaborazione con Fondazione EgriBiancoDanza ho scelto di prendere in prestito le parole del libro ‘Sii bella e stai zitta, perché l’Italia di oggi offende le donne’ di Michela Marzano. L’autrice è riuscita a raccontare lucidamente gran parte delle situazioni discriminanti che le donne subiscono nella moderna quotidianità. Ho introdotto il tutto con la storia del perché si sia scelta come data per la giornata delle donne proprio l’8 marzo” Queste le parole di Silvia Giulia Mendola