Login   |   Registrati
Indietro

Terza edizione di “ResiDanze di Primavera”

News
Luogo
Centro Internazionale per le Arti della Scena
Via Emilia Ponente 485
Bologna (BO)
Quando
21/05/2019
Genere
News

 ResiDanze di Primavera”, 3a edizione quattro coreografie in costruzione

Tra studi in cantiere, workshop urbani, ricerca artistica e partecipazione collettiva

A Teatri di Vita, Bologna, 23-24 maggio 2019

Due settimane di residenza, seguite dalla presentazione al pubblico di quattro lavori in corso, in una piattaforma interamente dedicata alla danza. La terza edizione di “ResiDanze di Primavera” è ormai appuntamento fisso per la presentazione di coreografie in cantiere e sarà animato da quattro compagnie di danzatori, danzatrici e performer: un confronto tra studi e percorsi di ricerca differenti.
Le
danze apriranno i loro cantieri al pubblico giovedì 23 e venerdì 24 maggio 2019 a Teatri di Vita 
ogni sera saranno presentati tutti e quattro i lavori creati in residenza.


La compagnia Sonenalè si esibirà in Familia Familiae, coreografie di Riccardo Fusiello e Agostino Riola con i danzatori Riccardo Fusiello, Alessandra Gaeta e Agostino Riola, con il sostegno de I Teatri del SacroAmalia Franco, Anna Moscatelli e Renata Frana presentano Trittico. Cantillazioni, coprodotto dall’Associazione Culturale Teatro Insonne, con il sostegno di Regione Toscana e da Consorzio Con.Cor.D.A. con il sostegno del Teatro del Lavoro, Spazio 13 e Teatro Crest.

IL CANTIERE_Sara Marasso & Stefano Risso porterà in scena “131 urban rendez-vous”, mentre ArcantoLab presenta Pulsazione 82 di e con Gloria Giovannini e Marifè Singy. “ResiDanze di Primavera” fa parte del progetto interregionale di Residenze Artistiche, realizzato con il contributo della Regione Emilia Romagna e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Familia Familiae è una riflessione sull’eredità di gesti e movimenti, di parole ed espressioni che si trasmettono di generazione in generazione e che fanno parte dell’eredità di una famiglia. Un processo inevitabile e involontario, felice o infelice, che avviene per natura. Come un albero, da cui ci si allontana e si torna, in cui ci si sente protetti o schiacciati. A ispirare il lavoro di Sonenalé è Natalia Ginzburg, con il suo Lessico Familiare e, di conseguenza, l’importanza di comprendere le comprendere le sensazioni, le emozioni e il mistero di questa complessa eredità.

Uno studio sulle fasi del giorno compone le tre miniature di Trittico. Cantillazioni, che dilatano il momento della notte, del mattino e del tramonto, snodandosi nella contaminazione di diverse espressioni. La danza, il teatro di figura e la musica classica indiana si intrecciano e spaziano dalla creazione artistica all’evocazione di un sentimento sacro. I corpi vivi e danzanti convivono con le marionette inanimate; l’occidente incontra l’oriente; la carne è un tutt’uno con la mente: è un ibridismo che supera la logica razionale e binaria, per raggiungere attraverso l’arte la molteplicità dell’essere. Per creare un modo diverso di abitare lo spazio, la compagnia fa interagire tre corpi: una danzatrice, un musicista e un contrabbasso.

131 urban rendez-vous è un progetto che prevede momenti di incontro tra abitanti e artisti, un work in progress collettivo: durante il periodo di residenza, il team condurrà diversi seminari aperti ai cittadini per incontrarsi e raccontare il territorio che abitano. Sono rendez-vous urbani: il trio è un mezzo per raccontare le specificità di un luogo e le abitudini della comunità che lo abita, attraverso una performancesite-specific, multidisciplinare, itinerante e partecipativa.

Pulsazioni 82 di ArcantoLab è il frutto di una fusione che nasce dall’incontro del canto e della danza. Un insolito duo che racconta come l’unione attraverso l’arte, dando voce a un corpo e a un’idea, generando stupore. Il progetto studia le fasi di incontro di esperienze artistiche diverse: dall’ascolto delle pulsazioni del cuore di due entità definite, si cerca allora l’unione con l’altra, fino ad arrivare alla creazione di una performance fluida, mai definita e sempre diversa.

Massimo Zannola


Contatti

Infoline: 333.4666333

Sito web: www.teatridivita.it

Email: n.d.