Login   |   Registrati
Indietro

Raphael Bianco co- fondatore, coreografo residente della compagnia EgriBiancoDanza

> 29 aprile, Giornata Mondiale della Danza

Festival/Eventi
Quando
non specificata
Monica Ratti



Raphael Bianco
co- fondatore, coreografo residente della compagnia EgriBiancoDanza

-Il gala p
er festeggiare il  29 aprile, Giornata Mondiale della Danza-


Una Compagnia che mette al centro della propria crescita il nucleo artistico,  che ha cercato di consolidare il lavoro per poter garantire a 7 danzatori un contratto a tempo indeterminato.

“Io, dopo due anni di lavoro come ballerino in Francia, avevo un contratto di lavoro a tempo indeterminato. I miei ballerini dopo un primo periodo di lavoro a intermittenza ( come io lo definisco),  -  ovvero, quando ancora non eravamo riusciti ad ottenere finanziamenti e fondi che potessero garantire una stabilità lavorativa - avevano tutto il diritto di aspettarsi un futuro certo. Una  volta raggiunti gli obiettivi economici, al centro della produttività , senza alcun dubbio,  ho considerato prioritari i miei artisti”.

Chi racconta è Raphael Bianco co- fondatore, coreografo residente della compagnia EgriBiancoDanza , 20 anni di attività festeggiati lo scorso novembre (2019).
Oltre ai 7 danzatori stabili, la compagnia ha altri danzatori: alcuni stagisti , con contratto a progetto e altri danzatori con contratti a 8/10 mesi. La Compagnia ha anche altre figure professionali necessarie alle attività, quali 1 maitre de ballet, 1 responsabile amministrativo, 1 organizzatore generale, 1 ufficio stampa.

Nata come compagnia d’autore con Susanna Egri, con la quale Raphael si è formato artisticamente, prima come allievo della scuola ( da lui definita per i tempi una scuola avveniristica per l’Italia)e poi come danzatore entrando a far parte della compagnia stessa. Ha studiato  danza classica e contemporanea, danza jazz, storia della danza e musica.  Una formazione non solo tecnica, ma anche culturale.   In seguito  ha danzato con la Compagnia Nazionale Norvegese di Danza Contemporanea “”NYE Carte Blanche “, con“L’Ensamble “di Micha Van Hoecke e in Francia con il “ Ballet du Nord “.
La Compagnia è sostenuta dal MIBACT, dalla Regione Piemonte, da 3 Fondazioni Bancarie, dal Comune di Torino, dal Consiglio Regionale della Regione Piemonte oltre che dall’attività di vendita spettacoli e progettualità aggiuntive.

Come nasce EgriBiancoDanza?

“La Compagnia ha iniziato il suo percorso come compagnia d’autore con me e  Susanna Egri che ha dato il suo supporto artistico,  ma già dal 2017 abbiamo aperto anche ad altri coreografi quali Salvo Romania, Andrea Chenevier, Patricia Apergi, su un progetto di forte impronta contemporanea , il “Prometeo - oltre il fuoco “. Ora continuiamo, cercando soprattutto coreografi interessanti, ma non ancora così noti ad un più vasto pubblico. I nomi che vanno per la maggiore sono appannaggio di entità artistiche che godono di sostegni ancor più consistenti.
Egribiancodanza ha anche lanciato un bando biennale, AREPO/Alchimie coreografiche per coreografi over 35. Questo per sopperire ad una mancanza di opportunità legata a una fascia di età che viene a trovarsi in un limbo, nel quale i vari bandi istituzionali non fanno riferimento. La tendenza oggi è quella di dare spazio e visibilità agli under 35 “.

La EgriBiancoDanza ai tempi del Coronavirus.

“A marzo con la cancellazione di uno spettacolo mi sono immediatamente reso conto che la situazione non avrebbe che potuto peggiorare. Al di là del problema di non poter più fare attività, sentivamo l’esigenza di trovare un modo per restare accanto al nostro pubblico, oltre alla necessità di dare alla compagnia un senso di coesione e ricerca di stimoli.
Esattamente il giorno prima che fosse ufficializzata la chiusura delle attività e l’obbligo per tutti di non spostarsi dalle proprie abitazioni, avevo fatto una riunione con la compagnia, per affrontare il problema che avremmo dovuto sostenere da quel momento in poi.
Così ho subito dato delle indicazioni per realizzare qualcosa di nuovo per noi, lontani, ma allo stesso tempo insieme, vicini nelle intenzioni. Una piccola dote, delle linee guida per realizzare un video dove raccontare come ognuno di noi adatta  alla danza il proprio spazio domestico.” Cucine,  letti, bagni, porte, finestre”.

Questo vostro progetto è stato il primo che ho visto in rete, seguito da  Aterballetto, Opera de Paris e molti altri.

Sono attività, a mio avviso necessarie, soprattutto per gli artisti;  per sentirsi parte della comunità, affinchè l’arte, la cultura ed in particolare  lo spettacolo dal vivo, sia presente nella vita delle persone. 
Quello che ognuno di noi creatori, artisti  realiziamo oggi  attraverso le tecnologie e i social, non deve  essere inteso come una modalità sostitutiva di quella che è la mission dello spettacolo dal vivo.  Purtroppo il pericolo di  queste iniziative  online è che possa essere considerata sostitutiva dello spettacolo dal vivo, ma non deve essere così!”.

Per cui quale la sfida?

“La vera sfida sarà proprio quella di lavorare a 1 metro di distanza e  ideare situazioni in cui le persone possano tornare a vedere le performance e gli spettacoli dal vivo quanto prima, tenendo presente le  nuove modalità. Non sarà facile, ma dovremo almeno provarci”.

Il messaggio che vuole  lanciare?

“Ritrovare il nostro pubblico e, soprattutto, un appello a quei privati che avrebbero le possibilità di sostenere le attività che producono spettacolo. Queste attività sono medicine naturali, senza effetti collaterali, per la crescita di una società migliore, più sensibile, più consapevole. L’arte  e la cultura non dovrebbero essere considerate un optional, ma conoscenze integranti e fondamentali nella vita dell’uomo”.

Per festeggiare il  29 aprile, Giornata Mondiale della Danza,  decretata dall’UNESCO nel 1982, la compagnia EgriBiancoDanza ha programmato  un Gala  per la sera del 26 aprile, inserito nella stagione IPUNTIDANZA,  nella sede della Casa del Teatro Ragazzi e Giovani. Con  questa iniziativa  la Compagnia ha proposto  anche un nuovo progetto, in collaborazione con altre realtà Piemontesi di cui alleghiamo programma.

Appuntamento quindi a questa sera 26 aprile alle ore 21.

Evento comunicato sul portale DanzaSi  al link che segue 

http://www.danzasi.it/notizie/giornata-mondiale-della-danza-domenica-26-aprile-ore-21-fondazione-egri-per-la-danza-000374.php

Monica Ratti




Altre critiche incrociate:

La Danza: Non solo Star.

La Danza: Non solo Star.

Carlo Fuortes - Highlander

Carlo Fuortes - Highlander

-Allora esistono- di  Monica Ratti. Diretta con Virna Toppi

-Allora esistono- di Monica Ratti. Diretta con Virna Toppi

Eleonora Abbagnato - Voglio essere positiva ma la situazione della danza è drammatica.

Eleonora Abbagnato - Voglio essere positiva ma la situazione della danza è drammatica.